meno male… che è finita!

è stata una bella campagna elettorale.
(Beh, se non conoscete il sarcasmo… andate a cercare sulla Treccani!)
Comunque ho montato gazebo, distribuito volantini, organizzato pizzate e perfino una lotteria di finanziamento…
Andando in giro per i paesi vicini, ho conosciuto tanta bella gente (questo è il vero lato positivo): tutti disposti a darsi da fare per sostenere e promuovere i nostri candidati.
Sempre col sorriso sulle labbra, incontrando gente disposta a fermarsi a parlare: ascoltare, farsi un’idea, magari fare anche domande, cercando di capire.
Proposte chiare, idee per il futuro, una visione ottimistica.
E se tanto mi da tanto, il risultato che uscirà delle urne dovrebbe essere una piacevole sorpresa.
Noi ce l’abbiamo messa tutta per farci conoscere e guadagnarci la fiducia degli elettori.
Ai posteri l’ardua sentenza.
Paolo

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Giustizia, Politica | Lascia un commento

La storia di oggi raccontata (anzi, cantata!) dal cantastorie

La canzone di Mario

Questa di Mario Draghi e la storia vera
Divenne Presidente a primavera
Lo volle qui in Italia Mattarella
Brillava luminosa la sua stella

Nave sanza nocchiero in gran tempesta
Era l’Italia ma lui la ridesta
Come ammiraglio esperto timoniere
Lui di guidarla si sentì in dovere

La nave superava tutte l’onde
Ma ecco che un pericolo nasconde
Quattro corsari a bordo son saliti
Purtroppo ad affondarla son riusciti

I loro nomi tutti conosciamo
Ben tre sono i pirati, lo sappiamo
Però l’ammutinata quella vera
È donna, madre, cristiana, corsara nera

La nave sta affondando in mare aperto
Ecco in soccorso arriva un duo esperto
Ci prova Renzi e prova anche Calenda
A riportare a galla la vicenda

Questa mio caro Mario è la tua canzone
Che torni a governare la nazione
È il sogno che teniamo nel cassetto
A presto, Presidente… ecco l’ho detto

Pubblicato in Arte, Controcorrente, Cultura, Generale, Musica, Poesia, Politica, Teatro | Lascia un commento

L’informazione ai tempi di internet

c’è un comunicato su FACEBOOK dove si dice che mentre la Spagna ha abbassato l’IVA sul gas al 5 per cento, in Italia siamo ancora al 22.
Ovviamente l’informazione è falsa (l’Italia già da tempo ha ridotto l’IVA al 5 per cento ed è stata una delle prime nazioni a farlo. Semmai è la Spagna ad essersi svegliata solo adesso).
I commenti sotto a questa notizia sono tutti di indignazione contro il Governo e contro Draghi.
A nulla serve scrivere (mettendo tutti i link del caso) che l’affermazione è sbagliata.
Ognuno continua imperterrito a commentare la notizia (falsa).
In questo momento ci sono almeno 300 commenti di persone arrabbiatissime… e solo due o tre di chi fa presente come la notizia sia falsa.
Se tanto mi da tanto, significa che l’un per cento delle persone si informa a dovere.
L’altro novantanove è fatto da persone indignate, persone che votano e che voteranno contro il Governo accusandolo di una colpa che certamente non ha.
Ma ormai gran parte dell’informazione funziona così: si manda in giro una notizia falsa.
Nessuno ne controlla la veridicità.
Moltissimi la prendono per vera e su quella falsità si costruisce il consenso a favore di uno o dell’altro partito.
Ci sono poi dei siti web specializzati nel costruire notizie false, ma nessuno li chiude (pare che impedire a qualcuno di mentire sia un attentato alla sua libertà) e moltissime persone creano i propri giudizi proprio abbeverandosi a quelle fonti.
Come possiamo sperare che, nel segreto dell’urna, in tanti siano in grado di decidere per il meglio?
Il pessimismo, che non ha mai fatto parte del mio patrimonio genetico, è in risalita.
Mala tempora currunti, dicevano i latini.
Sed peiora parantur.
Paolo Federici

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Giustizia, Politica | Lascia un commento

Il tempo è la misura di tutte le cose

Lo sapete che il costo del trasporto (via nave) dalla Cina all’Europa è decuplicato rispetto al periodo pre-pandemia?
Perché?
Perché moltissime aziende hanno preferito spostare la produzione in Cina chiudendo gli stabilimenti in Europa, pensando che così facendo avrebbero risparmiato.
Ma questo ha fatto aumentare la domanda di trasporto ed, in base alla legge della domanda è dell’offerta, i prezzi dei trasporti sono anch’essi aumentati.
E adesso che i costi di trasporto sono decuplicati… le aziende europee sono in crisi.
Solo io ci vedo una somiglianza con l’aver spostato la produzione di energia (gas) in Russia (nel senso che anziché produrre energia qui, anni fa abbiamo deciso di comprare il gas là perché era più conveniente) e adesso che i costi del gas sono aumentati vertiginosamente… siamo in crisi.
Forse bisognava pensarci prima.
Prima di spostare le fabbriche in Cina.
Prima di spostare gli acquisti di gas in Russia.
Ma… del senno di poi son piene le fosse.

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Politica, Scienza | Lascia un commento

un gazebo… da artista!

tra i tanti amici di ItaliaViva eccone uno speciale: Guido!
Lui è un pittore bravissimo, soprattutto a fare i ritratti.
Qualche tempo fa ha realizzato uno specialissimo gioco dell’oca con tutti i principali personaggi della politica: si parte da Renzi per arrivare a Draghi (lo potete scaricare qui: click)
Oggi ha tappezzato un gazebo, utilizzato per la campagna elettorale (di Azione-ItaliaViva, ovviamente!), con l’immagine di Draghi (a presto, Presidente!), ma anche con un simpatico ritratto dei quattro corsari che hanno costretto Draghi alle dimissioni, dando fuoco alla nave, che era carica di ottimi programmi, così da farla affondare (nave sanza nocchiere in gran tempesta).
E poi c’è l’Italia, sì proprio lei, la “serva Italia, non donna di province, ma bordello” che chiede aiuto a gran voce.
Lo trovate in piazza, a Pioltello… (insieme a Maria!) nei week-end da qui fino alla fine della campagna elettorale: il gazebo è quello di Azione-ItaliaViva.
Vale la pena andarci a fare una visita!
Magari, se gli siete molto (ma molto) simpatici, vi farà il ritratto.
Ah… dimenticavo, preferisce fare i ritratti alle belle donne.
Perché lui sì che è un vero cavaliere.
Paolo Federici

Pubblicato in Arte, Controcorrente, Cultura, Generale, Politica | Lascia un commento

Il caso “OMBRINA”

Il Governo, con un decreto del 29 gennaio 2016 – varato sulla spinta di una mobilitazione popolare guidata dai movimenti ambientalisti – bloccò le autorizzazioni per la ricerca di idrocarburi offshore entro le 12 miglia dalla costa, cioè poco più di 22 chilometri.

La società che fu costretta a chiudere una di quelle piattaforme ha fatto causa all’Italia: ed in questi giorni è finalmente uscita la sentenza e l’Italia è stata condannata a pagare 190 milioni di euro

Ed i commenti che trovi in giro cosa dicono?

Che la colpa è del Governo di allora (quindi di Renzi), o dei movimenti ambientalisti che lo costrinsero a fare quel decreto?

Ovviamente tutti a sparare su Renzi!

Eh no, caro amico… la storia va raccontata nella sua interezza.

Il decreto fu varato sì da Renzi ma sulla spinta di una mobilitazione popolare guidata dai movimenti ambientalisti.

Il governo Conte 1 ha poi bloccato le piattaforme di ricerca nelle acque territoriali, costringendo il Paese a importare il grosso del fabbisogno, quindi peggiorando ulteriormente la situazione.

Di chi è dunque davvero la colpa se oggi siamo costretti ad importare… e ci tocca anche pagare per aver bloccato le perforazioni grazie ai No-Triv?

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Giustizia, Politica, Scienza | Lascia un commento

32° canto dell’Inferno

Dante colloca i traditori della patria in uno dei gironi più profondi dell’inferno.
Se tornasse oggi, a chi dedicherebbe quel 32mo canto?
A quelli che hanno reso l’Italia una “nave sanza nocchiero in gran tempesta”?
Una nave che, grazie ad una guida sicura, stava portando gli italiani verso il successo: innumerevoli erano i risultati positivi del nocchiero.
Li vediamo elencati nelle bandiere sventolanti.
Solo che sono bastati quattro pirati (anzi, tre pirati ed una piratessa!) per far affondare la nave è con lei tutti i programmi in corso.
E adesso?
Ci possiamo rimboccare le maniche e ripartire con una nuova nave, sotto la guida dello stesso nocchiero, puntando su pochi uomini giovani e forti (e che, no… non sono ancora morti, anche se certi giornalisti e soprattutto certi sondaggisti raccontano un finale totalmente inventato!)
Oppure ci si può affidare ai quattro pirati ed a tutti i corsari che li acclamano.
La scelta è nelle mani di ogni italiano che il 25 settembre, con un segno su una scheda, può scegliere.
Beh, a dire la verità io ho già scelto.
E voi?
Paolo Federici

Quadro di Guido Pagani
Pubblicato in Pittura, Politica | Lascia un commento

com’è bello andar da soli…

Com’è bello andar da soli da Trieste in giù
Com’è bella Italia Viva, io la voto e tu?
Scalfarotto, Bellanova, Marattin
Lisa Noja, Paita, Boschi, Garavini

Com’è bello andar da soli da Trieste in giù
L’importante è che dia il voto a Italia Viva, tu!
E se ci credi lo sai che accadrà
Una guida sicura per l’Italia si avrà

Com’è bella Italia Viva, io la voto e tu?
Com’è bravo Matteo Renzi, dai lo sai anche tu.
Faraone, con Giacchetti e Mor Mattia
c’è Rosato, con Annibali Lucia

Com’è bello andar da soli da Trieste in giù
L’importante è che dia il voto a Italia Viva, tu!
E se ci credi lo sai che accadrà
Una guida sicura per l’Italia si avrà

Pubblicato in Almanacco, Arte, Controcorrente, Cultura, Generale, Musica, Politica | Lascia un commento

ALEX (Pierre Lemaitre)

avevo già letto alcuni libri di Pierre Lemaitre e tutti mi erano piaciuti assai.
Ma questo, ragazzi, è una bomba.
Amerete questa donna (si chiama Alex, ma anche Nathalie, Lea, Emma, Laura…): cercheranno di farvela odiare, ma il vostro sesto senso non si lascerà ingannare.
Lotterete con lei, farete il tifo per lei, nonostante tutto e nonostante tutti.
Il poliziotto che seguirà il suo caso (Camille) saprà arrivare alla verità, perché c’è sempre una verità.
Vabbè, vi ho già detto troppo.
Alex, trent’anni, ha uno scopo nella vita e lo persegue senza se e senza ma.
E niente può fermarla.
Preparatevi alle scariche di adrenalina che i tanti colpi di scena vi procureranno.
Buona lettura.
Paolo Federici

Pubblicato in Arte, Controcorrente, Cultura, Generale, Giustizia, Libri, Recensioni | Lascia un commento

Sondaggio

oggi provo io a sottoporvi un sondaggio.


A voi le risposte:

1) Vorreste che il prossimo Presidente del Consiglio, dopo le elezioni, sia ancora Draghi, sì o no?

2) Ritenete importante, tra le doti dei candidati, la competenza, la serietà e l’esperienza, sì o no?

3) Pensate che il reddito di cittadinanza vada ripensato, modificato, adattato, perché così com’è si è dimostrato totalmente inefficiente, sì o no?

4) Volete che l’Italia continui ad aiutare l’Ucraina in tutti i modi possibili, sì o no?

5) È giusto fare una legge per imporre il salario minimo, sì o no?

6) Siete stanchi di chi continua a fare promesse senza poi mai far seguire alle parole i fatti, sì o no?

7) Pensate che la maggior parte degli stranieri contribuiscano al bene dell’Italia e che l’invasione sia solo uno spauracchio creato ad arte, sì o no?

8) Ritenete che aver fatto cadere il Governo ed aver costretto Mattarella ad indire nuove elezioni, sei mesi prima della scadenza naturale della legislatura, sia un grave errore, sì o no?

9) Creare alleanze solo per chiedere un voto “contro” (la destra si coalizza contro la sinistra e viceversa) sapendo che tali alleanze si scioglieranno subito dopo le elezioni è il segnale di una cattiva politica, sì o no?

10) Alla fine, hai un’idea chiara su chi meriti davvero il tuo voto, sì o no?

Se vuoi, rispondimi dicendo quanti sono i tuoi “sì” ed a chi andrà il tuo voto.

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Giustizia, Politica | Lascia un commento