28 febbraio: giornata delle malattie rare.

Il 28 febbraio è la Giornata delle malattie rare. Malattie rare?
Quindi riguarda solo poche persone!
E invece no: nel mondo ci sono più di 6.800 malattie rare che colpiscono circa 300.000.000 di persone.
Per quest’anno il nostro slogan è: “Siamo rari, siamo tanti, siamo forti, siamo orgogliosi.”

Pubblicato in Cultura, Generale, HHT, Musica, Sanità | Lascia un commento

premiazione del concorso fotografico

Pubblicato in Arte, Cultura | Lascia un commento

Incontro con Luigi Marattin

COMUNICAZIONE IMPORTANTE

Carissimi tutti
come zona Adda Martesana abbiamo organizzato un incontro per il 18.02.2021 alle 21 con il nostro Luigi Marattin sul tema della Riforma fiscale.
L’incontro si terrà sia via zoom, di cui trovate il link in fondo a questa pagina, sia in diretta FB sulla pagina di Italia Viva – Provincia di Milano.
L’appuntamento è esteso a tutte le zone di Italia Viva della nostra provincia e anche ai nostri amici e simpatizzanti.
In considerazione del numero dei partecipanti sarebbe utile inviare a questo indirizzo mail: aurora.impiombato@gmail.com le domande da sottoporre al nostro ospite.
Vi aspettiamo!
Aurora e Paolo

per collegarsi via zoom, ecco il link

Pubblicato in Generale | Lascia un commento

aspettando la finale …

Pubblicato in Generale | Lascia un commento

basta bufale!

ormai, davvero, non se ne può più.
Oggi mi è arrivata (via WhatsApp) l’ennesima bufala (Il vincitore del Premio Nobel 2018, il medico, scienziato e immunologo giapponese, il dottor Tasuku Honjo, ha fatto scalpore oggi nei media dicendo che il virus corona non è naturale).
E giù con tutta una spataffiata complottista a non finire.
Ed il bello è che, a supporto dell’affermazione, ti mandano anche un link della pagina wikipedia del dottor Tasuku Honjo.
Pagina che, ovviamente, nessuno legge (e se qualcuno la legge, sono pochi quelli che conoscono l’inglese).
Cosa c’è scritto nella pagina di wikipedia?
During the COVID-19 pandemic, a false claim that Honjo believed that the novel coronavirus had been “manufactured” by a laboratory in the Chinese city of Wuhan was widely disseminated on the internet in many languages.[10] The BBC Reality Check team reported that, “In a statement published on the website of Kyoto University, he said he was ‘greatly saddened’ that his name had been used to spread ‘false accusations and misinformation’. Scientists say genome sequencing shows that the virus came from animals and was not man-made.”[10]
Certo, basta leggere … e capire, ma quanti sono quelli che si prendono la briga di controllare le notizie che arrivano a pioggia via social?
E comunque basterebbe fare una veloce ricerca sul web, e la notizia è già stata abbondantemente smentita (ad esempio qui).
Un giorno qualcuno mi spiegherà l’utilità di spandere falsità a pioggia (forse per testare fin dove possa giungere quella cosa che secondo Einstein è infinita?).
Paolo Federici

(Einstein diceva: due cose sono infinite, l’universo e la stupidità umana. Ma sull’universo ho ancora qualche dubbio!)

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Politica | Lascia un commento

a che punto siamo?

continuo a non capire da cosa dipenda questo astio nei confronti di Renzi.
A parte il solito mantra (aveva promesso che avrebbe lasciato la politica), a parte le solite affermazioni inutili (ha solo il due per cento), qualcuno che si decida una buona volta a discutere nel merito della questione non lo si trova.
Gli parli dei problemi della scuola e ti rispondono che suo padre è un delinquente (tutto ancora da provarsi!) e che la mela cade sempre vicino all’albero.
Gli parli dei problemi del recovery fund e ti rispondono che la Boschi ha fatto fallire la Banca Etruria (ovviamente una falsità!).
Gli parli dei problemi della sanità e dei contrasti tra Stato e Regioni e nessuno che ammetta di aver sbagliato votando “no” a quel referendum che avrebbe risolto il contrasto già quattro anni fa.
Gli parli dell’ingovernabilità attuale e nessuno che ammetta di aver sbagliato votando “no” a quel referendum che avrebbe permesso di avere un Governo ed una maggioranza il giorno dopo la chiusura delle urne.
Ti dicono che ora non è il momento (e quando sarebbe stato il momento giusto, visto che la richiesta di un chiarimento era stata fatta in Parlamento il 22 luglio? C’è chi dice che Renzi avrebbe dovuto farlo prima … e c’è chi dice che avrebbe dovuto farlo dopo! E pensare che chi ha votato contro il Governo sono stati i cinquestelle quando, pochi giorni fa, hanno votato contro la TAV. E meno male che da destra è arrivato l’aiuto al Governo, se no Conte sarebbe andato a casa prima e per colpa dei suoi stessi sostenitori.)
Come la vedo?
A mio modesto parere, Renzi ha ragione su tutta la linea.
Ci ha liberato di Conte e dal suo immobilismo.
Ha ottenuto un Presidente del Consiglio di peso (Mario Draghi).
Ha fatto passare la sua linea (col Recovery fund si creeranno posti di lavoro e occupazione… e non elemosina a pioggia, anche detta RDC!)
Farà allargare la maggioranza (costringendo il centrodestra a spaccarsi)
Questo Parlamento eleggerà il nuovo Presidente della Repubblica.
E, fin da subito, ha evitato le elezioni.
Dimostrando anche che le idee vincono sulle percentuali.
E, dulcis in fondo, dando una lezione al PD su cosa voglia dire fare politica.
Chi ha perso alla grande (ed era ora!) sono i cinquestelle.
Un giorno, quando se ne parlerà sui libri di storia, i nostri nipoti si chiederanno perché così tanta gente ce l’avesse con Renzi!
Paolo Federici

Pubblicato in Controcorrente, Generale, Politica | Lascia un commento

to be continued …

Conte sta facendo tutto da solo.
Renzi ha chiesto di fare un programma serio, altrimenti avrebbe ritirato i Ministri.
Conte ha preferito sfidarlo in Parlamento.
Sono andati alla conta … e Conte ha capito di non avere i numeri.
Ma Renzi non ha infierito (poteva mandarlo a casa la settimana scorsa, invece si è astenuto porgendo un ramoscello d’ulivo).
Conte invece che sedersi al tavolo per discutere di un programma serio, si è messo a dare la caccia all’uomo (a cercare i responsabili).
Però ha visto che in Italia … non ci sono responsabili (o forse, non così messi male da accettare di ingoiare qualsiasi rospo).
Adesso ha provato a dare le dimissioni sperando in un reincarico.
Eppure bastava che facesse il suo lavoro: un piano serio per il Recovery (come chiesto fin dallo scorso 22 luglio), un programma vaccinale serio … insomma si chiedeva solo serietà.
Ma in Italia, se uno chiede di fare le cose serie … viene accusato di essere un ricattatore, di essere attaccato alla poltrona, di pensare solo a sè stesso.
E allora … che si arrangino da soli.
(se ne sono capaci!)
Noi non vogliamo essere complici.
Più chiaro di così!
Paolo Federici

Pubblicato in Controcorrente, Generale, Giustizia, Politica, Sanità | Lascia un commento

Sun Tzu e Bobby Fischer

secondo me è in corso una particolarissima partita a scacchi.
Negli scacchi vince chi sa prevedere il maggior numero di mosse possibili future.
Guardare solo alla prossima mossa … è cosa da principiante.
Ho visto un film dove il campione vedeva le prossime dodici mosse (calcolando tutte le variabili, significa svariate migliaia di possibilitò diverse!).
Per uno come me che a stento ne vede una… è una cosa al di là di ogni comprensione.
Ecco, secondo me Renzi ha dato scacco a Conte e poteva arrivare allo scacco matto… invece ha voluto concedere all’avversario l’onore delle armi.
(Perché, come dice Sun Tzu nell’arte della guerra, bisogna sempre lasciare una via di fuga all’avversario!)
Però sono anche curioso di vedere le prossime undici mosse!
Paolo Federici

(la cosa che sento ripetere a destra e manca è: “Renzi ha ragione, ma …” ed è quel ma che poi cerca di sminuire la premessa. Ma non era il momento … Ma non ha votato contro … Ma ha solo il due percento … Tutti “ma” che con cambiano il fatto dell’aver ragione. E poi, la storia non si scrive con i “se” e con i “ma”)

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Politica | 4 commenti

10 domande e 10 risposte

Pubblicato in Controcorrente, Politica | Lascia un commento

Dante e gli ignavi

sapete tutti che Dante non aveva molto stima degli ignavi ed anzi per loro coniò il famoso motto: “non ragioniam di lor ma guarda e passa”.
Però nel corso dei secoli, quella frase è stata travisata in “non ti curar di lor ma guarda e passa”
Se oggi cercate su internet digitando una delle due trovate 166.000 risultati.
Digitando l’altra i risultati sono 21.800.
Allora la domanda è: qual è la frase giusta? Quella più riportata su internet … o quella contenuta nella Divina Commedia?
Cosa voglio dire: che internet è pieno di errori.
Ed il fatto che qualcosa sia su internet, magari ripetuto migliaia di volte, non ne fa una verità
Paolo Federici

Pubblicato in Almanacco, Controcorrente, Cultura, Generale, Politica | Lascia un commento