cinque frasi a caso

nel libro che sto leggendo trovo queste chicche:

  • preferiva rimanere fino a quando tutto il filo spinato non SAREBBE stato recuperato
  • finché l’intero scheletro non SABEBBE stato ricomposto
  • ed io avrei sarei potuto uscire
  • tutto il resto poteva aspettare fino a quando non SAREBBERO stati al sicuro
  • con un po’ di fortuna, quando SAREBBE uscito avrebbe avuto ancora molti anni davanti a se

ma ce ne sono anche altre.

Chiariamo: il libro è bellissimo, la trama avvincente … ed in inglese il congiuntivo non esiste. Ma il traduttore italiano il congiuntivo lo “dovesse” (dovrebbe, doveva? Mah!) sapere.

Ecco il quiz: indovinate di quale libro si tratterebbe (trattasse? Tratterà! Trallallerolà)

Paolo

 

Annunci
Pubblicato in Generale | Lascia un commento

Fisica quantistica e … Religione

Secondo la fisica quantistica la luce è contemporaneamente onda e particella. Solo quando la si osserva “assume” l’una o l’altra forma.
Ipotizziamo di applicare lo stesso concetto alla religione: tutte le religioni sono contemporaneamente vere, anche l’ateismo. Solo quando si muore l’aldilà si rivela essere conforme alla nostra idea. Quindi cristiani e mussulmani si ritrovano in Paradiso (o in uno degli altri due mondi, Inferno e Purgatorio), buddisti e induisti si reincarnano, gli ebrei raggiungono lo Sheol, gli indiani d’America vagano felici nei territori di caccia …. mentre un ateo sparisce nel nulla.
A questo punto, proprio per evitare di sparire, conviene (come sosteneva Pascal) CREDERE.
(parafrasando Schrodinger ed il suo gatto che è contemporaneamente vivo e morto, potremmo dire che Dio contemporaneamente esiste e non esiste. La libertà – ed il potere – dell’uomo è al massimo livello. Sta a noi deciderne l’esistenza o meno)

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale | Lascia un commento

Il prezzo dei soldi

il nuovo libro di Markaris (quasi un Camilleri greco, anzi turco) racconta un’altra storia del commissario Charitos (quasi un Montalbano greco).
Immagina una Grecia in netta ripresa, un’economia che viene rilanciata, una crescita economica non da poco e tutto semplicemente perché è stato iniettato un po’ di denaro liquido nelle casse dello Stato (così si possono aumentare gli stipendi, ridurre le tasse, tornare a fare le vacanze, rimettere in moto le auto che erano rimaste ferme …).
Ma nessuno che si chieda da dove vengano tutti questi soldi e soprattutto “perché”.
Poi ci scappano due o tre morti e allora Charitos deve indagare.
Non vi racconto il finale … ma sicuramente vale la pena leggerlo e poi “meditare”.
Buon divertimento.

ilprezzodeisoldi

Pubblicato in Generale | Lascia un commento

rumori molesti

la signora ha 86 anni e da oltre 60 anni vive nello stesso appartamento.
Siccome si trova in zone universitaria, i suoi vicini sono sempre giovani, studenti che si traferiscono “in loco” per la durata degli studi.
A lei si sono rivolti, negli anni, quelli che avevano bisogno di un limone, del latte, delle uova … insomma, il classico rapporto di buon vicinato.
Talvolta facevano capolino alla porta per dirle: “signora, stasera faremo una festa. Magari ci sarà un po’ di musica e andremo avanti fino a tardi”
E lei, sempre: “ragazzi, divertitevi. Non preoccupatevi per me, ci mancherebbe.”
Da un anno a questa parte la storia è cambiata: è arrivata una ragazzina arrogante che si è fatta subito “benvolere” mettendosi a protestare … perché la signora accende la televisione già alle otto di mattina, perché la signora talvolta invita delle amiche e “chiacchierano”, perché durante i pasti si sentono rumori di piatti e di bicchieri …!
Incredible, vero?
Eppure la ragazzina insiste, sostenendo che non può studiare (studiare di pomeriggio in casa è diventato impossibile)… per colpa dei rumori che vengono dall’abitazione dell’anziana signora.
Come è cambiato il mondo!
Una volta i “vecchi” erano rispettati, ossequiati e gli si prestava la massima attenzione.
Posso capire che i tempi siano cambiati, ma che adesso qualcuno si metta a protestare perché un’anziana signora, in casa sua, accende la televisione (a volume normale, beninteso!) e questo può dare fastidio alla ragazzina arrogante che magari ha fatto tardi la sera e la mattina (alle 08.00) è ancora rintronata, la dice lunga su “quanto” siano cambiati i tempi.
Per favore, ditemi che si tratta di un caso isolato.
Che sono poche queste ragazzine maleducate abituate a chiedere le cose più assurde e vedersi esaudire.
Non posso credere che i giovani siano tutti così.
Comunque QUESTA è la lettera che la giovane studentessa ha scritto all’aziana pluriottantenne.
Vedete voi, se ridere o se piangere.

Se poi vogliamo valutare l’aspetto giuridico, la legge dice che ai fini della configurabilità del reato previsto dall’articolo 659 c.p. (disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone), è necessaria la presenza di due elementi, di cui evidentemente la sussistenza del secondo implicherà anche quella del primo.
Sarà infatti necessario che i rumori prodotti,
(1) oltre ad essere superiori alla normale tollerabilità
(2) possano propagarsi in maniera tale da essere idonei a disturbare una pluralità indeterminata di persone, incidendo dunque non sulla tranquillità dei singoli soggetti, ma sulla quiete pubblica (Cass. Pen., sez. I, 17 gennaio 2014, n. 12939; Cass. Pen., sez. I, 14 ottobre 2013, n. 45616).

Insomma, se il rumore da fastidio solo ad una ragazzina arrogante, a questa non resta che andarsene a studiare in biblioteca oppure comprarsi dei comodissimi tappi per le orecchie.
Perché non solo ha torto moralmente (ma davvero si può protestare perché qualcuno, alle otto di mattina, si guarda il telegiornale?) ma ha torto anche legalmente (perché è sola soletta nella sua intemperanza uditiva).
(ma il fatto che usi la prima persona plurale – “abbiamo le registrazioni” … “non costringeteci” … “non vogliamo arrivare a tanto” – vuol dire che la ragazzina arrogante soffre anche della sindrome del pluralis majestatis? Dunque si tratta di reato di lesa maestà! Allora ditelo!)

(P.S.: questo testo l’avevo scritto una settimana fa. Nel breve volger di pochissimi giorni, l’anziana signora ha lasciato questa valle di lacrime. L’appartamento verrà affittato ad una famiglia peruviana, numerosa ed amante della musica sud-americana. Così, finalmente, la ragazzina arrogante avrà di che protestare …!)

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Generale, Sanità | Lascia un commento

Zeffirino da Segrate

la storia di Zeffirino da Segrate raccontata a teatro dal gruppo degli Arciallegri

Questo slideshow richiede JavaScript.

siamo nel 1153, quando l’imperatore Federico Barbarossa scende in Italia chiamato da quelli di Como e di Lodi per combattare contro Milano.
Zeffirino vive a Segrate ed aiuta il pievano, in Chiesa.
Ma è anche bravo a cucinare, specialmente le carpe che pesca nelle acque che circondano Segrate.
Passando per Segrate i soldati dell’imperatore catturano Zeffirino, ma lui riesce a convincere Federico di essere bravo a cucinare, ed allora l’imperatore lo assume come cuoco …
Zeffirino, dopo molte disavventure, diventa addirittura capocuoco e vorrebbe perfino insegnare all’imperatore a nuotare, ma Federico si rifiuta.
Purtroppo Federico morità cadendo da cavallo nel greto di un fiume, proprio perché non sapeva nuotare.
Se avesse dato retta a Zeffirino, anche la storia sarebbe cambiata!

Pubblicato in Arte, Cultura, Generale, Teatro | Lascia un commento

SETTE

La sorpesa dell’inserto del Corriere della Sera di oggi … è questa!

img-170511153927-0001

Pubblicato in Generale | Lascia un commento

dieci incipit da valutare

mi sono arrivati dieci “incipit” da leggere e giudicare.
Mi sono messo d’impegno ed ho letto i primi cinque!

(1)
Un sacco di paroloni (brocardi, eponimi, retablo, malacologia) che costringono il lettore ad andare a consultare un vocabolario.
Il che ci sta, sia chiaro … ma se la “parola” strana la trovi ogni 20 o 30 pagine.
Se invece ne trovi tre solo in una pagina, sei costretto a continue soste.
L’autore vuole far vedere quanto sia forbito il suo eloquio?
Poi mi confonde il sotto con il sopra: “sotto la camicia bianca vestiva un maglione troppo stretto, d’un celeste sbiadito, con il logo d’una azienda in evidenza sul davanti”.
Se il logo era in evidenza, mi pare chiaro come il maglione fosse SOPRA la camicia.
C’è poi questa frase che proprio non ho capito:
“E dopo una rampa d’uguale altezza a un lungo ballatoio protetto da un numero doppio al primo di balaustri di tenero tufo rosato.”
Purtroppo non riesco a giudicare i contenuti quando la “veste” è di tal genere.
Spiacente.

(2)
Tra virgolette riporto alcune parole o frasi prese dal testo:
“Gl’occhi”
Che strano modo di usare l’apostrofo!
“Ora, il piccoletto, è avvolto in due coperte”
Perché quelle due virgole?
“Vi chiedete come mei io non sono”
Un minimo di editing, per favore! Mei? Sarà MAI!
“Aveva un cane …. pensai che doveva essere mia”
Se è maschile “un cane” deve essere maschile anche l’aggettivo, quindi “mio”
“Mi viene in contro”
Suvvia, si scrive INCONTRO.
“Soltanto che a me nessuno mi”
A me mi … è un errore da prima elementare
Purtroppo quando ci sono di questi errori non riesco ad essere neutrale.
Spiacente ma per me è “NO”

(3)
“perché in Turchia c’erano le fabbriche che li facevano”
Con tutti i verbi possibili ed immaginabili, ci limitiamo ad un “fare”?
Con i congiuntivi invece, come andiamo?
“i suoi genitori quando l’avrebbero saputo gli sarebbero venuti i capelli dritti”.
Un, uno, una?
“era un sfoggio”
E poi c’è il maglione che va, solo soletto, in manifestazione
“le si era avvicinato un uomo grigio di mezz’età, coi baffi, la pelle asfittica e un maglione che sembrava appena ritornato da una manifestazione”
Andiamo avanti?
Come stiamo a singolari e plurali?
“Margherita un contratto era la prima volta che lo vedeva …. e lei, che pure era laureata in lettere, non li sapeva compilare”
Se è “un contratto” allora “non lo sapeva compilare”.
Altrimenti a cosa si riferisce quel “li”?
Non sapevo che esistesse il plurale di settembre:
“per cinque settembri di fila”
ma certamente è una pecca tutta mia.
Ormai coi verbi è battaglia persa:
“Se le mordeva che tra poco sarebbero sanguinate”
Poi c’è una frase eclatante:
“Si era svegliata all’alba, tormentata, profondamente dalla scelta dell’abbiglio”
E qui troviamo:
– una virgola (dopo tormentata) che proprio non dovrebbe esserci
– una parola (abbiglio) usata come sostantivo, mentre dovrebbe essere verbo
Ultimo punto: un “incipit” normalmente dovrebbe essere di poche righe, al massimo di tre o quattro pagine.
Volendo esagerare arriviamo a dieci pagine.
Qui siamo a trentadue …
Un po’ troppo, non credete?

(4)
Leggo:
“Meno male che queste cose le impara prima e meglio che la scuola”
Vogliamo fare l’analisi grammaticale?
Impossibile!
“La felpa trai seni”
Ovviamente sarà “tra i seni”: ma una rilettura del testo prima di mandarlo in stampa non era possibile?
“Ha invitato un po’ di amici, di giovani solo noi per non fare mortorio, come dire di no senza urtarla”
Una cosa è il parlare, altra cosa lo scrivere. Se non si capisce questa differenza sostanziale, è inutile la discussione.

(5)
Sconclusionato , sembra un diario (di una schiappa?)!
Anni a dare lezione ad un ragazzino per farlo arrivare al diploma, poi ecco il protagonista in viaggio per partecipare ad un concorso.
Con frasi senza senso come questa:
“E’ anche vero che qualche anno più tardi avrei che fino a quel momento non avevo capito nulla”
Mi sbaglia perfino un congiuntivo:
“Avrei aiutato Pietro finché non avrei trovato un lavoro”
Insomma, cosa devo fare quando trovo frasi così:
“Per cercare capire se e quando”

Non mi resta che sperare nei prossimi cinque!
Paolo

Pubblicato in Controcorrente, Cultura, Libri | Lascia un commento