La paura.

l’uomo si nutre di paura.
Ma solo perché qualcuno quella paura gliela ha instillata goccia a goccia.
Nessuno ha mai avuto paura di incontrare persone di altre nazionalità, che parlano altre lingue, che mangiano altri cibi, che vestono altri abiti.
Finché non è arrivato qualcuno ad instillare la paura: hanno un altro colore della pelle, hanno un’altra religione, hanno un’altra cultura… sono tutti delinquenti.
Nessuno ha mai avuto paura di vaccinarsi, anzi cercavamo di farlo il prima possibile, per proteggerci dal vaiolo, dalla polio, dal morbillo, dal colera, dalla febbre gialla, dall’influenza stagionale.
Finché non è arrivato qualcuno ad instillare la paura: chissà cosa ci iniettano, è un complotto, ci sono dietro degli interessi economici che ci nascondono. Ma “ci nascondono” chi? Bill Gates, Soros, Pippo-Pluto-Topolino…
Nessuno ha mai avuto paura dei mussulmani, dei buddisti, dei testimoni di Geova, dei protestanti, né di chiunque professasse una qualsiasi religione.
Finché non è arrivato qualcuno ad instillare la paura: i terroristi sono islamici, quindi gli islamici sono terroristi.
Sei bianco e vedi un uomo scuro di pelle… hai paura.
Sei cattolico e vedi una donna con lo chador… hai paura
Sei (chissà perché) contro il vaccino e vedi uno vaccinato … hai paura.
“Un giorno la paura bussò alla porta.
Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno.”
(M. Luther King)

Informazioni su Paolo Federici

La migliore soddisfazione è sbagliare apposta per dare agli altri l'illusione di essere superiori.
Questa voce è stata pubblicata in Controcorrente, Cultura, Generale, Politica, Sanità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...