conversando con l’altro emisfero

da un pensiero di due amici (Armando e Alessandro, uno a Milano e l’altro a Bangkok)

Se anche Andrea Scanzi, qualche giorno fa, in una delle sue dirette ha detto che il teatrino mostrato in questi ultimi mesi dal Movimento 5 Stelle ha “rotto i c****, vuol dire che la prima forza parlamentare Italiana ha imboccato un vicolo cieco. La situazione è obiettivamente ingarbugliata e per certi versi unica al mondo. La principale forza parlamentare e di governo della Repubblica Italiana non è in grado di eleggere i propri vertici perchè non sa chi siano i suoi iscritti. L’elenco è in mano ad un fornitore, Casaleggio, che si sta rifiutando di consegnarli al Movimento 5 Stelle in quanto il suo rappresentante legale (Vito Crimi) è decaduto. Sembra che Crimi abbia provato ad inviare una delegazione presso la sede dell’associazione Russeau per ritirare i file degli elenchi. Questa delegazione ha trovato gli uffici dell’associazione chiusi in quanto tutto il personale è stato messo in cassa integrazione, anche a causa del fatto che proprio il Movimento 5 Stelle da più di un anno non paga il fornitore. Il tribunale di Cagliari ha nominato un avvocato come commissario straordinario del movimento; avvocato che si è anche detto di essere disponibile, nel caso di una crisi di governo, a rappresentare il movimento nelle consultazioni al Quirinale (anche questo aspetto fa sorridere… a volte la gente non ha il senso della misura). Il prof. Conte è da due mesi che sta cercando di sbrogliare questa matassa creata dal Movimento 5 Stelle stesso nel momento in cui negli ultimi anni ha ripetutamente rivisto il suo statuto creando regole di difficile applicazione. Tra l’altro, la cosa che fa più sorridere è che i promotori di queste modifiche statutarie sono il fornitore stesso (Casaleggio) e il Ministro degli Esteri Di Maio, quando era il capo politico del movimento, che in questo momento, con la scusa di volersi interessare alla complicata politica internazionale (formalmente ha ragione…), si sta disinteressando del guaio che lui ha contribuito a creare, lasciando da solo Conte (speriamo che un giorno non lasci il ministero degli Affari Esteri con gli stessi guai con cui ha lasciato il vertice del movimento). Beppe Grillo, ovviamente, si sta occupando di altre problematiche connesse alla Sardegna (questa volta al nord della Sardegna) e quindi, sembra, che non stia dando una mano. Una situazione imbarazzante, vero? Aperto ovviamente a ricevere punti di vista anche contrari a questo tentativo di ricostruzione. Una domanda, per concludere, chi depositerà le liste del Movimento 5 Stelle alle prossime elezioni se non si risolve il caso?

La situazione è però ancora più gustosamente intricata.

Lo Statuto del Movimento 5 Stelle dice che Di Maio e Casaleggio jr. sono i fondatori del Movimento stesso. Inoltre lo Statuto stesso specifica la Piattaforma Rousseau come strumento esclusivo.
Ovviamente lo Statuto prevede che tutte le modifiche allo Statuto, compreso l’abbandono di Rousseau e la nomina di un nuovo capo politico, vengano votate dagli iscritti.
Su Rousseau, naturalmente.
Quanto a Conte, non è iscritto e non vedo come possa iscriversi se non su Rousseau.
Si sono davvero incasinati bene.
Ma non è finita!!

Alle strette dipendenze di Di Maio al Ministero degli Esteri, come responsabile della comunicazione, sembra che vi sia un certo Pietro Francesco Dettori che è anche il braccio destro di Casaleggio Jr. Era stato messo nello staff di Di Maio su indicazione dell’allora casa madre (il fornitore/padrone) ma che dopo lo strappo tra Rousseau e Movimento 5 Stelle non si è dimesso. Però è ancora li… Dicono i giornali che nel movimento qualcuno si stia chiedendo come mai… Intanto nelle scorse settimane circa diecimila persone hanno chiesto la cancellazione della loro iscrizione al Blog delle Stelle, temendo che i loro dati diventino merce contesa… altro che uno vale uno, ormai le persone non contano più nulla, contano i loro dati e chi li detiene. Tra l’altro, secondo la legge, i dati personali non possono essere trasferiti da Rousseau (cioè dal Blog delle Stelle) al Movimento 5 Stelle senza il consenso dei soggetti a cui i dati si riferiscono. Il consenso privacy era infatti stato dato dagli iscritti a chi gestiva il Blog delle Stelle e non al Movimento.

Mi sembra una disamina perfetta, vero?

Paolo Federici

Informazioni su Paolo Federici

La migliore soddisfazione è sbagliare apposta per dare agli altri l'illusione di essere superiori.
Questa voce è stata pubblicata in Controcorrente, Cultura, Generale, Politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...