The neverending story

se vi siete letti il capitolo uno … e poi il capitolo due … eccoci al capitolo tre.
Un breve riassunto: dopo varie sessioni tribunalizie, la decisione finale è che dobbiamo abbattere la veranda (perché mancherebbero i permessi) ma non dobbiamo pagare le spese relative all’infiltrazione (perché l’infiltrazione non dipende dalla veranda).
Con un coup de theatre, l’assemblea del condominio, contravvenendo a quanto stabilito dalla sentenza, decide che le spese dobbiamo invece pagarle noi.
Facciamo opposizione e quella delibera viene annullata.
Però l’amministratore insiste a chiedere a noi il pagamento di quelle spese.
Siccome noi non paghiamo, l’azienda che ha fatto i lavori fa ingiunzione al condominio suddividendo (correttamente) la somma in base ai millesimi.
A questo punto provvediamo a pagare la nostra quota.
Però una nuova assemblea del condominio contesta la giusta richiesta della ditta che ha fatto i lavori sostenendo (ancora?) che l’intera somma debba essere a nostro carico.
Insomma, siamo daccapo…
Paolo Federici

Informazioni su Paolo Federici

La migliore soddisfazione è sbagliare apposta per dare agli altri l'illusione di essere superiori.
Questa voce è stata pubblicata in Controcorrente, Generale, Giustizia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...