Tu solingo augellin

un colpo sul vetro della finestra.
“Cosa è stato?”
“Qualcosa ha sbattuto contro il vetro.”
Guardiamo fuori: un uccellino si agita in terra.
Esco a prenderlo.
Respira a fatica, però non sembra di avere danni evidenti.
Lo accarezzo, ma vedo che apre e chiude il becco: gli manca l’aria.
Soffre, lo accarezzo cercando di calmarlo.
Ma capisco che non c’è niente da fare: sta morendo.
Passano meno di cinque minuti ed esala l’ultimo respiro.
Tu solingo augellin, venuto a sera del viver che daranno a te le stelle, certo del tuo destino non ti dorrai.
Eh no, Giacomo Leopardi aveva torto.
Quel piccolo essere si è lamentato del suo destino, eccome.
Paolo Federici

Informazioni su Paolo Federici

La migliore soddisfazione è sbagliare apposta per dare agli altri l'illusione di essere superiori.
Questa voce è stata pubblicata in Arte, Controcorrente, Generale, Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...