Dio, che donna!

Dio che donna, Dio che tosa
e che gamb, che portament,
col davant tutti content
con dedree che incoeu se usa
bella, bella come on fior,
Dio che donna, Dio che amor!

Seri lì sul marciapèe
a guardà per on taxi,
la me fa: “Se dici sì
ce ne andiamo io e te …”
“Andà indoe?” “A fà l’amor!”
Dio che donna, che splendor!

Come fann cont on fiolett
la me ciappa per ‘na man
la me pòrta sù al quart pian
d’ona cà, lì vers Lorett,
lo soa ciav l’è già in la busa,
Dio che donna, Dio che tosa.

Mi la guardi esterreffa:
la me fa settà in poltrona
la me dis: “Sont la toa donna!”
“No, on moment, mi son sposaa …
L’è vint ann che gh’hoo miee ..”
Dio che donna, che belee!

“Ma ‘se importa la miee?
Chi te seet e chi son mì …
Mettes commod, sù chì i pée
Gh’è on “relax” mej de quest chì?”
Ed intanta la me tocca,
Dio che donna, Dio che bocca …

La me desfa la cravatta,
la me derva la giachetta,
la ziffòla ‘me ‘na gatta:
la soa man l’è ona saetta,
che la va de chì e de là,
mì me senti tutt sudaa.

La me guarda, la me attira,
la fa finta de svegnì,
la me ciama, la sospira
a tusscòss la da del tì:
poeu la scatta ‘me ‘na furia,
Dio che donna, che lussuria

Mi ghe disi: nò fa adasi,
dopo tutt gh’hoo no premura …
La me basa, mì la basi,
l’è ona forza de natura.
“Sì, sì, sì” la me dis lee,
podi manca stagh adrée.

Poeu, de colp sul pussee bell,
quand me senti in paradis
e me par de toccà i stell,
la se ferma all’improvis
la se mett a caragnà,
Dio che donna … ‘se la gh’ha?

“Ma ‘ste gh’heet?” ghe disi mì,
“Se t’hoo faa? Coss’è success?” …
“Semper pensi al mè marì …”
Mi ghe disi: “Pròppi adess?”
“Guardel lì in fotografia”
“Quand l’è inscì pòdi andà via” …

“Dess ghe spieghi” la me fa
con la faccia disperada,
“me marì l’è mòrt duu ann fa
e son minga rassegnada
e l’è mòrt pròppi chinscì …”
“Sora el lett in doe son mì?”

“Coss’importa? Femm no stòri
stemm nò lì a sottilizzà,
l’è on lett pien di mè memòri,
e poeu in fond a tì s’te fa?”
“A mi nient, quest chì l’è vera
Ma chì cambia l’atmosfera!”

Ed intanta che cicciari,
lee la piang, la se confessa,
la me volta el tafanari
che l’è tutta ‘na promessa,
la me dis: “Famm no soffrì,
devi fà l’amor con tì.”

“Ma son chi per dà ‘na man,
semm al mond per aiutass”
– ghe rispondi – “Anca diman,
torni chì senza frecass …”
La dis: “Grazie” – la sospira –
Dio che donna, che vampira!

Chi pensava, dimm tì, chì?
Che ona donna la podess
la memoria del marì
onorà con tant success?
Gh’hoo la testa on poo confusa,
Dio che donna, Dio che tosa!

(poesia meneghina di Attilio Carosso)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...